La Roma cerca di tenere il campionato in vita, demolendo la Fiorentina di Paulo Sousa con un rotondo 4-0.
Nonostante fosse una partita di cartello tra due squadre importanti del nostro calcio, sapevamo che le possibilità di uscire con i 3 punti per i giallo-rossi erano molte di più, tanto che avevamo selezionato per voi l'1 fisso già da Domenica 29 Gennaio, sia in singola che nel sistema a correzione d'errore.
La Roma - infatti - nonostante stia chiedendo a gran voce un nuovo stadio di proprietà, può vantare un rullino di marcia davvero invidiabile tra le mura amiche con 11 vittorie in 11 gare; al contrario la Fiorentina, che pur se la cava anche in trasferta, si rivela lontano dal Franchi un vero e proprio colabrodo con 22 reti subite (peggio solo Pescara, Crotone, Cagliari e Palermo).
Se poi sapevamo i viola non essere al top nel pacchetto arrettrato, un altro fattore che ha inciso e non poco è stato l'infortunio di Kalinic, che ha lasciato spazio a Babacar, sicuramente meno efficace del croato.
Ultimo punto - fondamentale - per comprendere la fame di punti della Roma: perdendo, avrebbe lasciato scappare una Juve che, pur lanciata verso il sesto scudetto, potrebbe sempre iniziare a lasciare qualche punticino per dare maggior respiro alla rosa in vista della Champions - vero obiettivo dei bianconeri. Spalletti lo sa... e vuole approfittarne.
Così, abbiamo valutato di poter consigliare la vittoria dei giallorossi, e grazie alle reti di Dzeko, Fazio e Nainggolan il pronostico si è trasformato... in cassa!

Vincere con le scommesse sportive è un lavoro, lo abbiamo sempre detto. Ma ci sono alcune cose assolutamente sbagliate, sulle quali non si riflette mai abbastanza, che rappresentano errori comuni che tutti - ma dico tutti - compiono. E noi di Herobet li stiamo mettendo in fila, uno ad uno. Per aiutarti. Per aiutare tutti voi.
Così, dopo i focus tre errori molto comuni - Non fare i conti, Giocare sempre sistemi e Le quote sotto 1.20 - passiamo al quarto tipo di errore.

Non coprirsi

Quante volte ti sei detto: "Sbaglio sempre per una partita!". "Cavolo, sono entrate tutte tranne questa!". "Bastava un gol in più e con 10 euro di puntata ne avrei vinti 300!". Sicuramente tante volte.
E tutte le volte hai fatto sempre lo stesso errore: non ti sei coperto o non hai inserito nel tuo sistema la giocata con 1 errore. Questo è assolutamente sbagliato: se arrivi al punto che ti manca solo un esito per vincere il tuo sistema (fosse anche una semplice tripla dove hai giocato una puntata elevata) seguire la partita mancante ed eventualmente coprirsi è obbligatorio!
Il tuo primo obiettivo, infatti, deve essere quello di tutelare il tuo "capitale iniziale", i tuoi 10 euro ad esempio, perchè se riesci a difenderli e non perderli potrai investirli nuovamente. In caso contrario avrai perso e basta. E se manca un solo evento perchè non coprirsi già prima del fischio di inizio? Sì, certo, magari abbatterai un po' il tuo utile, qualora esca comunque l'esito che avevi pronosticato.
Ma meglio guadagnare un po' di meno o difendere un capitale che può portarti nuovo guadagno? La seconda, direi. Quindi copriti, anche live. Non scegliere di perdere. Perchè se tu perdi vince il bookmaker, ma tu vuoi vincere, quindi non facilitargli la vita.
Un ultimo consiglio: vuoi smettere di perdere e iniziare a provare un gioco da professionisti? Guarda uno dei nostri pacchetti qui oppure prova per 7 giorni il nostro gioco: ti costerà solo 1 euro!

Incredibile rullino di marcia della Juventus che - quasi al pari del Chelsea dell'ex Antonio Conte - sta letteralmente ammazzando il campionato a suon di vittorie.
Questa volta è toccato ad una ritrovata Inter arrendersi, nonostante l'ennesima ottima prova degli uomini di Pioli che non sono - però - riusciti nell'impresa.
Lo Juventus Stadium - infatti - è un fortino invalicabile e quando - specie in casa - la quota dei bianconeri è così "alta", vale sempre la pena provare: inoltre, Allegri sapeva che questa era la vera prova del 9 per testare un nuovo modulo ed un nuovo assetto di gioco che vedrà, tra pochi giorni, confrontare la Juve alle fatiche europee.
Per questo, tatticamente, nulla è lasciato al caso e i bianconeri non potevano permettersi passi falsi proprio alla vigilia del match d'andata con il Porto: sarebbe passato un messaggio negativo di una Juve battibile, e i portoghesi ne avrebbero tratto vantaggio; ma non è stato così... ed anzi, al contrario, la Juventus ora può davvero fare paura.
Per questo, oltre che per la storia, per la rivalità... e per non riaprire un campionato avviato verso il solito lieto fine, che la Juve non voleva e non poteva lasciare punti in giro per la Serie A. Specie ai tanto odiati cugini neroazzurri! Il bolide di Juan Cuadrado ci regala l'ennesima cassa di questo positivo week-end: la Domenica si chiude in bellezza!

Qualcuno, mosso in ritardo, avrebbe potuto storcere il naso quest'oggi quando i bookmaker offrivano l'1 dell'Atalanta contro il Cagliari a non più di 1.40.
Ai più attenti - però - non sarà sfuggito il fatto che, da parte nostra, la selezione era già avvenuta ad inizio settimana quando - Lunedì mattina - la quota era decisamente più alta (1.60).
Una varianza di quota così alta, nel medio-lungo termine, e riscontrato con una certa costanza, porta i guadagni a vedersi incrementati e non di poco contro coloro che - non badando a questi dati - si organizzano in modo meno attento e più "frettoloso".

Entrando nel merito della partita, l'Atalanta non ci ha messo molto a sbarazzarsi dei sardi tanto che, dopo neanche 20 minuti, il punteggio era già di 2-0 grazie alla doppietta del Papu Gomez.
Le motivazioni erano molteplici: almeno per i nero-azzurri che, vincendo, sapevano di agganciare in classifica l'Inter in piena zona Europa - quando gli altri neroazzurri, quelli di Milano, avranno questa sera una sfida non certo agevole, allo Juventus Stadium. L'entusiasmo dell'intero ambiente non poteva far altro - così - che continuare a spingere i bergamaschi che in casa avevano già vinto 7 volte in 10 incontri (ora 8 in 11); d'altra parte il Cagliari ha già - quasi - terminato il proprio campionato, essendo i rossoblu abbastanza lontani dalle zone più calde per non doversi affannare alla ricerca disperata di punti salvezza. Il tutto, considerando il pessimo cammino degli uomini di Rastelli fuori dalle mura amiche, con soli 4 punti raccolti dall'inizio del campionato.

Tutti questi fattori ci hanno portato a credere che l'Atalanta non avrebbe fallito l'appuntamento con il bottino pieno: e così è stato! Se aggiungete al pronostico azzeccato, anche il nostro consueto tempismo che si traduce in un maggior guadagno... il gioco è fatto!

Non si ferma più il super Chelsea del nostro Antonio Conte, che ci regala l'ennesima spunta verde sui pronostici Herobet e mette una seria ipoteca sul titolo di Premier. Scontro al vertice estremamente delicato per i Gunners, con l'Arsenal costretto a sbilanciarsi nel tentativo di recuperare punti e scalare così la graduatoria; ma la missione dei biancorossi di Londra rovina clamorosamente sotto i colpi dei Blues in un decisivo derby dalla quota oltre il raddoppio.
Quali sono state le ragioni per cui abbiamo indicato il Chelsea? Semplice: innanzitutto la quota, a dir poco alta (oltre il raddoppio), davanti al proprio pubblico dove Diego Costa e compagni raramente hanno mancato l'appuntamento con i 3 punti; poi, il centrocampo, chiave di ogni team che voglia assicurarsi il trionfo il Premier League; Kantè ha già dimostrato nella passata stagione di essere un elemento fondamentale, contro i due mediani dell'Arsenal troppo leggeri e (specie nel caso di Oxlade-Chamberlain) adattati al ruolo; in ultimo, l'esigenza dei Gunners di sbilanciarsi per cercare il goal, mista alla poca solidità della difesa e all'incredibile concretezza dei 4 offensivi del Chelsea. Un mix di ragioni che non potevano farci sbilanciare sul Chelsea di Conte, che non ci ha tradito: Alonso, Hazard e Fabregas hanno timbrato il cartellino... e le nostre schedine!

Se è vero che il buongiorno si vede dal mattino...

Il nostro ricchissimo week-end di betting inizia subito al meglio con un bel raddoppio incassato, grazie ai giallo-neri del Vitesse, che si impongono agilmente contro un Ado Den Haag, sempre più, in crisi.
Nonostante - infatti - l'andamento altalenante della formazione ospite, sulla quale avevamo puntato, nelle ultime uscite, il Vitesse era chiamato al bottino pieno per non rischiare di farsi risucchiare nella zona paludosa di questa affascinante Eredivise.
D'altra parte, i padroni di casa di Den Haag sono in difficoltà e dovranno impegnarsi per rimanere nella prima divisione olandese: l'Ado è oggi quart'ultima con - ora - una partita disputata in più rispetto ai diretti contendenti per la salvezza.
Ottima la quota, dunque, per il vittorioso Vitesse che può continuare ad ambire ai play-off - crocevia per l'Europa - e, soprattutto, che ci ha regalato questa prima cassa del week-end lungo di Herobet!