Torna al successo e riconquista la vetta la Spal, grazie al 2-0 rifilato al Novara di Boscaglia, che si allontana così dalla zona Play-Off.
Dopo due sconfitte consecutive - infatti - i biancocelesti di Ferrara hanno riagganciato il Frosinone - fermato sul pari dall'Avellino - e allungato sul Verona di Pazzini, irriconoscibile rispetto all'armata di inizio stagione.
Basta un rigore di bomber Antenucci, rafforzato dal tap-in a tempo scaduto di Schiavon, per regalare i 3 punti agli uomini di Semplici  e a noi un'altra bella cassa direttamente dal campionato cadetto praticamente al raddoppio.
Fatica a trovare il ritmo giusto fuori dalle mura amiche la formazione piemontese e questo potrebbe costare davvero caro ad una società che punta alla corsa per la Serie A.
Ma intanto, in vetta c'è la Spal!

Non smette mai di stupire la Dea, che continua ad inanellare vittorie su vittorie, in casa come in trasferta, superando le dirette concorrenti e candidandosi prepotentemente per un posto in Europa.
Emblema del tondo 0-5 al Genoa è la rovesciata del vantaggio siglata da un difensore, Conti, a quota 5 in questo campionato. Record? No di certo, perchè il quarto goal dell'Atalanta lo segna un altro difensore, Caldara, che ne ha realizzati addirittura 6!
Se al tutto si aggiunge la tripletta di un super Papu Gomez, l'allungo sul Milan stoppato a Pescara e una quota stellare (oltre il raddoppio), non possiamo che accogliere alla grande il successo dell'Atalanta dell'ex Gasperini, che dopo 7 anni al Genoa saluta con la... manita!

Si riprende dopo un periodo particolarmente negativo il Watford di Mazzarri, che torna a vincere dopo più di un mese e che allunga sulle dirette concorrenti per la corsa alla salvezza.
Vittima dei tanti "italiani" - Niang, Okaka, Holebas, Zarate, Behrami, Zuniga e Britos - voluti da Mazzarri, è il fanalino di coda Sunderland, uscita sconfitta in ben 11 dei 14 match esterni di questa premier.
Ed è proprio una vecchia conoscenza della nostra Serie A, che timbra il cartellino ed assicura il bottino pieno ai compagni: ci pensa - infatti - il centrale Miguel Angel Britos, ex Napoli e Bologna.
Vittoria importante, allora, per una compagine che ad inizio stagione aveva illuso con il proprio bel calcio, tanto che i tifosi hanno pregustato per qualche mese le glorie europee e che, poi, si era invece trovata a correre per non retrocedere.
Ora il peggio sembra passato, considerati i 7 punti di vantaggio e - soprattutto - le tante squadre coinvolte tra il Watford e l'Hull City, che oggi sarebbe la prima delle retrocesse!

Risponde a quella che poteva essere l'ultima chiamata per l'Europa il Guingamp, che si sbarazza del Nancy nell'anticipo di Ligue 1.
Andamento casalingo ineccepibile per i rossoneri di Francia, con 2 punti a partita - di media - e una delle migliori difese; tutto all'opposto l'andamento esterno del Nancy che, tra l'altro, non brilla neanche in casa... 2 sole vittorie fuori dalle mura amiche e sole 6 reti segnate sono davvero troppo poche per sperare in una salvezza tranquilla.
Ci pensa Privat, con la ripresa iniziata da una manciata di minuti, a regalare i 3 punti al Guingamp di Briand e Salibur, con quest'ultimo che si trasforma in assist-man per la rete che stende il Nancy, in dieci dalla mezz'ora.
Troppo superiore a livello tecnico il Guingamp, che pur ha vissuto un momento di calo all'interno di una stagione tutto sommato positiva, per un mediocre Nancy, destinato a lottare fino all'ultimo minuto per non cadere in Ligue 2.
Ecco allora il benvenuto in stile francese con il quale salutiamo un week-end sempre attesissimo per noi, al rientro dallo stop per le nazionali... con una super quota al raddoppio!

Continua la rincorsa alla zona Play-Off di un'incredibile Salernitana, che con la vittoria di oggi allunga la striscia di bottini pieni senza subire reti, 3 consecutivi.
Apre Sprocati, rifinisce Bernardini dopo una splendida punizione di Vitale che si era stampata sul palo: riesce a imporsi, dunque, la squadra di Bollini contro un Ascoli che non sembra avere ambizioni di sorta per le ultime settimane di campionato.
Lanciatissimi, invece, i campani che possono godere di un undici estremamente tecnico e di un fattore campo - pubblico compreso - che potrebbe diventare molto temibile per le dirette concorrenti.
Qualche problema ultimamente per l'Ascoli, non particolarmente in forma: ora i bianconeri dovranno però fare attenzione a non farsi risucchiare in una zona insidiosissima della graduatoria del campionato cadetto.
Prosegue allora il sogno della Salernitana, prosegue il nostro trend positivo con il pronostico selezionato a quota 1.80 - poi sceso fino ad 1.60 - per un campionato che ci dà sempre numerose soddisfazioni!

Quando il fattore campo vale molto di più del solito: e come potrebbe non essere altrimenti per l'Union Berlino, la squadre di Berlino est nata contro la Stasi.
La società degli operai, dei tifosi che - nel tempo libero - hanno dedicato il proprio lavoro alla ristrutturazione di uno stadio destinato a decadere.
E quando l'occasione - troppo ghiotta - di tornare in cima alla classifica di Zweite Liga si è presentata a capitan Kroos e compagni, per continuare a sognare la promozione in Bundes, il Norimberga - fermo a metà classifica e senza troppe ambizioni - si è dovuto arrendere.
Vittoria ottenuta nel finale grazie a Philipp Hosiner, entrato da una manciata di minuti, e che ha consentito ai tedeschi dell'est di superare lo Stoccarda, caduto ieri contro il Furth.
Una quota vicina al raddoppio, che va a chiudere un week-end davvero incredibile e che ci regala l'ennesima soddisfazione... e l'ennesima cassa!