Si riprende dopo un periodo particolarmente negativo il Watford di Mazzarri, che torna a vincere dopo più di un mese e che allunga sulle dirette concorrenti per la corsa alla salvezza.
Vittima dei tanti "italiani" - Niang, Okaka, Holebas, Zarate, Behrami, Zuniga e Britos - voluti da Mazzarri, è il fanalino di coda Sunderland, uscita sconfitta in ben 11 dei 14 match esterni di questa premier.
Ed è proprio una vecchia conoscenza della nostra Serie A, che timbra il cartellino ed assicura il bottino pieno ai compagni: ci pensa - infatti - il centrale Miguel Angel Britos, ex Napoli e Bologna.
Vittoria importante, allora, per una compagine che ad inizio stagione aveva illuso con il proprio bel calcio, tanto che i tifosi hanno pregustato per qualche mese le glorie europee e che, poi, si era invece trovata a correre per non retrocedere.
Ora il peggio sembra passato, considerati i 7 punti di vantaggio e - soprattutto - le tante squadre coinvolte tra il Watford e l'Hull City, che oggi sarebbe la prima delle retrocesse!