Pochi, pochissimi gradi al Metalist di Charkiv; poche, pochissime emozioni in campo... almeno fino al 90' scaduto.
Dopo il successo in trasferta, il fattore casalingo sembrava poter assicurare la qualificazione allo Shakhtar, nonostante la qualità degli spagnoli del Celta; e così è stato... fino allo scivolone finale. Rigore nei minuti di recupero e Iago Aspas che porta i suoi ai supplementari; l'inerzia del match si sposta tutta dalla parte degli ospiti e Gustavo Cabral regala la qualificazione - che ad un certo punto appariva solo un lontano miraggio - agli undici in camiseta celeste.
Noi avevamo previsto poche reti, meno di 3: e non abbiamo sudato di certo quanto ha fatto il Celta - prima - e lo Shakhtar - poi. Non ci ha toccato il rocambolesco finale.
Incassata una quota davvero straordinaria (2.10), quando la scommessa - chiaro, a posteriori - sembrava quasi scontata.
Complimenti Celta, peccato Shakhtar: ma l'esito importa relativamente; quello che importa... è l'Under!